Chiudi
Cerca nel sito:

Come funzionano le isole ecologiche: 7 passi verso la sostenibilità

Riciclare in modo efficiente ed evitare acquisti di impulso sono due strategie importanti per la riduzione degli scarti: vediamo le altre.
Condividi l'articolo

La normativa nazionale e internazionale in materia di rifiuti pone l’accento sul concetto di raccolta differenziata. Le isole ecologiche servono a portarla a termine in maniera corretta. Si tratta di aree specifiche dove sono collocati appositi cassonetti per ogni tipo di materiale riciclabile. La presenza di queste zone non serve soltanto a creare oasi di differenziazione che agevolino il lavoro dell’operatore ecologico, bensì anche a contrastare, e se possibile evitare, la diffusione di discariche abusive sul territorio, le quali altererebbero il panorama e contribuirebbero a un deciso aumento dell’inquinamento locale.

Le isole ecologiche sono diffuse a macchia d’olio lungo l’intero territorio nazionale e rappresentano un punto di riferimento. Sono infatti il luogo dove ognuno di noi può fare la sua parte nella battaglia che ci riguarda tutti: quella per la tutela del nostro territorio e, in definitiva, dell’intero pianeta.

Può interessarti anche: “Ecologia integrale: 4 principi per cambiare il mondo

Che cosa sono le isole ecologiche?

Quelle che chiamiamo isole ecologiche sono aree dedicate alla raccolta differenziata. Queste piazzole sono state ideate e progettate per facilitare il corretto smaltimento dei rifiuti. Oltre a fornire un luogo di separazione e differenziazione, promuovono il riciclo e la sostenibilità. Il termine isola evoca l’immagine di un luogo solitario e non è stato scelto a caso. Si auspica che a separare queste aree pensi una barriera di consapevolezza ambientale, superata la quale i cittadini gettino i loro rifiuti in modo responsabile.

Questi veri e propri ecocentri sono attrezzati a raccogliere numerosi rifiuti. Si rivolgono sia a utenze private che aziendali, all’interno di specifici limiti, dal momento che un’isola ecologica non può diventare soltanto il bidone della spazzatura di un’impresa medio-grande ma deve garantire possibilità di raccolta e differenziazione a ogni cittadino.

Se pressoché tutte le aree prendono in consegna rifiuti classificati come urbani e speciali, purché assimilabili agli urbani, nessuna ritira quelli considerati pericolosi. È il codice europeo dei rifiuti (CER) a descrivere nel dettaglio le tipologie di scarto.

Simbolicamente, un’isola ecologica rappresenta la necessità di isolare e separare i materiali, per garantirne il trattamento più corretto nonché la massima valorizzazione possibile. Gli urbanisti hanno ideato queste zone per coniugare comodità e praticità. La loro utilità ai fini ecologici, invece, non è mai stata messa in dubbio. Anche geograficamente un’isola ha la possibilità di ergersi a presidio di tutela ambientale, non a caso sono sempre più diffuse le isole sostenibili.

Isole ecologiche: differenziare la plastica e gli altri materiali è un attovirtuoso nei confronti del pianeta
Raccogliamo la nostra plastica, e gli altri materiali, e portiamola presso un’isola ecologica: il rifiuto sarà differenziato e noi avremo fatto la nostra parte per il pianeta.

7 passi verso la sostenibilità

Le isole ecologiche ci indirizzano sulla strada verso la sostenibilità e lo fanno attraverso 7 punti, che abbiamo definito passi in questo approfondimento perché somigliano ad altrettante tappe lungo un sentiero virtuoso.

  1. Separazione consapevole. Il primo passo verso la sostenibilità è la consapevolezza. Le isole ecologiche danno modo ai cittadini di separare i rifiuti in categorie specifiche, una pratica che favorisce il riciclo e la riduzione dei rifiuti destinati alla discarica.
  2. Promozione del riciclo. Un’isola ecologica funge da punto di raccolta specializzato. In questa area si selezionano materiali e li si invia al relativo centro di riciclo. Il processo riduce la necessità di utilizzare materie prime vergini, preservando risorse.
  3. Riduzione dei rifiuti inquinanti. È possibile evitare che rifiuti pericolosi o inquinanti finiscano in discarica, o nell’ambiente circostante. Aree di questo tipo offrono soluzioni sicure e controllate per il corretto smaltimento di materiali dannosi. Questi ultimi devono naturalmente essere raccolti secondo le corrette disposizioni.
  4. Stimolo dell’economia circolare. Le isole ecologiche favoriscono l’adozione di un modello economico circolare. I materiali raccolti non si gettano, bensì si reintroducono nel ciclo produttivo. In questo modo si creano opportunità economiche riducendo l’impatto ambientale delle nuove produzioni.
  5. Sensibilizzazione ambientale. Un’isola non è soltanto luogo di smaltimento, ma anche centro di educazione ambientale. La sua frequentazione è un’opportunità di informazione e formazione riguardo alle potenzialità del riciclo.
  6. Riduzione delle emissioni. Smaltire correttamente i rifiuti è un passo cruciale nella lotta al cambiamento climatico. Separare e differenziare, per poter poi riusare, è un ciclo virtuoso in questo senso. Tale modo di fare permette di mantenere le emissioni nocive più basse.
  7. Creazione di comunità consapevoli. Difficilmente ci pensiamo ma le isole ecologiche diventano centri focali nelle comunità. Esse promuovono collaborazione e interazione tra i cittadini, per il bene comune. Questi luoghi diventano simboli di un impegno condiviso verso la sostenibilità.

L’eredità delle isole ecologiche

Se vogliamo assicurare a chi ci seguirà un futuro sostenibile, dobbiamo educare le nuove generazioni all’importanza del riciclo e alla maniera più semplice per metterlo in pratica: differenziare. Insegnare a frequentare le isole ecologiche e a mettere in pratica lo smaltimento responsabile è un buon primo passo.

Raccontiamo l’importanza di ogni gesto e sottolineiamo come il corretto smaltimento dei rifiuti sia fondamentale per preservare il nostro pianeta. Le isole ecologiche non sono soltanto presidi fisici, bensì anche simboli di una visione di sostenibilità che dobbiamo condividere e promuovere attivamente.

Può interessarti anche: “Biodiversità urbana: 5 modi di portare la natura in città

Condividi l'articolo
Mattia Mezzetti

Ultime Notizie

TERRITORIO
Avanza l’erosione costiera in Italia

Numerosi fattori influiscono sull’erosione costiera, naturali ed antropici. A tenere d’occhio la situazione delle coste italiane è Ispra, che ha fotografato l’evoluzione del fenomeno, Comune...

Cerca nel sito