Chiudi
Cerca nel sito:

Riciclo creativo di giornali vecchi: arte sostenibile in 4 passaggi

Forse non tutti sanno che i giornali usati si possono riciclare anche in modi piuttosto creativi e artistici: ecco qualche idea carina.
Condividi l'articolo

Fortunatamente, grazie ai mass media e alle azioni dimostrative degli attivisti ambientalisti sempre più persone stanno iniziando a comprendere quanto il riciclo dei materiali sia fondamentale per garantire un futuro al genere umano e a tutte le specie animali e vegetali presenti sul pianeta Terra. Per dare il nostro contributo green al pianeta dovremmo iniziare ad applicare tutti insieme dei comportamenti il più responsabili possibili, a partire dalle attività quotidiane che abbiamo sempre dato per scontate. Pensiamo, ad esempio, a quanti giornali acquistiamo quotidianamente e quanti poi ne dobbiamo buttare. Si tratta evidentemente di uno spreco di carta non solo inutile ma a lungo andare anche dannoso per l’ambiente.

Ma non c’è davvero modo per riutilizzare la carta dei giornali usati? La risposta a questa domanda è fortunatamente positiva. Vediamo insieme in quali modi creativi e “artistici” si possono riusare i quotidiani cartacei.

Che carta viene utilizzata per i giornali?

Cosa fare dei giornali che abbiamo letto e che altrimenti butteremo nella spazzatura? Vediamo insieme qualche idea creativa in questo senso.
Una pila di giornali.

Prima di entrare più nel dettaglio nel merito della questione vale certamente la pena spiegare di cosa sono fatti i giornali che leggiamo quotidianamente. La maggior parte dei giornali oggi viene prodotta con la cosiddetta carta di Palm, un prodotto che garantisce un’eccellente stampabilità, un’ottima opacità e una grande resistenza.

L’azienda che produce questo tipo di carta ne garantisce non solo la qualità ma anche la conformità alle normative ambientali vigenti attraverso la certificazione FSC® e PEFC. Tutte le carte grafiche di Palm possono in aggiunta vantare il prestigioso marchio ambientale tedesco ‘Der Blaue Engel’ (anche chiamato Blue Angel).

Quanto detto finora, evidentemente, non rappresenta una buona scusa per sprecare questa preziosa risorsa proveniente dalla cellulosa degli alberi!

Riciclare i giornali in modo artistico in 4 passaggi

I giornali usati possono essere riciclati per essere trasformati in oggetti artistici davvero molto affascinanti: ecco qualche consiglio in merito.
Occhiali e alcuni giornali.

Partiamo dal presupposto che i tipi di creazioni artistiche che possono emergere dalla nostra creatività a partire da un materiale grezzo come i giornali sono numerose e molto variegate. Con questi oggetti è per esempio possibile dare vita a quadri, collage, decorare interni, mobili e persino impreziosire capi d’abbigliamento (sempre a condizione di avere le capacità tecniche per farlo).

A seconda della propria esperienza e degli strumenti a disposizione sarà possibile dare vita a decori e oggetti artistici di varia natura e di maggior o minor qualità: l’importante è che quest’attività stimoli la nostra creatività e, in parallelo, ci permetta di non gettare troppi giornali nella spazzatura.

Una volta chiarito che tipo di oggetto vorremmo andare a costruire/decorare il primo step sarà la selezione del materiale: raccogliete quanti più giornali possibili, magari vecchi e datati per dare all’opera un tocco di design vintage. I giornali, con le loro immagini, titoli e testi, sono una fonte inesauribile di materiale creativo. Scegliete dunque attentamente quali articoli e immagini verranno inclusi nell’opera e quali verranno esclusi.

Il secondo step è ovviamente la creazione dell’opera stessa. Per iniziare decidete la forma e la struttura dell’opera che volete ottenere, successivamente iniziate a ritagliare e incollare i pezzi di giornale in modo da ottenere il pattern prescelto. Sovrapponete immagini e testi dando libero spazio al vostro estro, accostando i colori in base al vostro gusto personale.

Passate ora alla rifinitura della vostra opera. Utilizzate una colla specifica per posizionare i pezzi di giornale e, se necessario, completate la vostra creazione con l’uso di pennelli, smalti e colori a tempera o acrilici. L’utilizzo di prodotti come resine o vernici trasparenti permetterà alla vostra creazione di durare molto più a lungo nel tempo.

Il quarto e ultimo passaggio consiste nella scelta del posizionamento della vostra opera: se avete scelto di confezionare un soprammobile potreste ad esempio riporla sulla tavola da cucina come centrotavola, mentre se avete dato vita ad un collage potreste pensare di aggiungerci una bella cornice e appenderlo come se fosse un quadro. Ricordatevi ovviamente di smaltire poi tutti i rimasugli di carta nel modo corretto: considerato che difficilmente andrete a utilizzare tutti i giornali a vostra disposizione, abbiate cura di gettare i pezzi rimasti inutilizzati nel contenitore della carta.

Non solo arte!

Non è necessario utilizzare i giornali per creare opere d’arte degne di un museo. Non andate nel panico, insomma, se non possedete uno spiccato talento artistico. La carta dei giornali (ma anche, perché no, quella degli scatoloni da imballaggio) può essere utilizzata in mille modi diversi. Pensiamo giusto per fare un esempio ai giocattoli per bambini: con i pezzi di carta appallottolati e debitamente incollati è possibile creare simpatici pupazzetti da regalare ai più piccoli (meglio ancora se decorati con orpelli di plastica riciclata o tessuti). Uno dei metodi più classici in assoluto che ci permettono di non buttare i giornali è però probabilmente l’utilizzo dei giornali per coprire mobili e pavimenti nel caso in cui fosse necessario dare una pitturata alle mura di casa. Attenzione però che in questo secondo caso i giornali sporchi di pittura andranno gettati nell’indifferenziata.

Condividi l'articolo
Alberto Muraro

Ultime Notizie

Quanto è green la spesa pubblica?
SPESA PUBBLICA
Quanto è green la spesa pubblica?

Presentati i dati dell’Osservatorio Appalti Verdi sul monitoraggio della spesa pubblica orientati ai criteri di sostenibilità. Qualche passo in avanti e tante difficoltà, in un...

Cerca nel sito