Chiudi
Cerca nel sito:

Arredo giardino fai da te con materiali riciclati: crea spazi unici a impatto zero

Scopri subito qui come trasformare e riciclare vecchi oggetti in elementi di arredo per un giardino di design creativo e al passo coi tempi.
Condividi l'articolo

Negli ultimi anni, c’è stata una crescente consapevolezza da parte dell’opinione pubblica riguardo all’importanza della sostenibilità e del riciclo anche nell’ambito dell’arredamento e del design. Arredare il proprio giardino con materiali riciclati è un’ottimo modo per diventare eco-friendly trasformando gli spazi all’aperto delle nostre abitazioni in piccole ma adorabili oasi di creatività, dove possiamo mettere in pratica il nostro personale impegno a livello ambientale anche con gesti che in apparenza potremmo considerare banali.

Scopriamo dunque insieme qui di seguito alcune interessanti idee creative per arredare il giardino con materiali riciclati, dimostrando che la bellezza e la sostenibilità possono coesistere armoniosamente in ogni luogo.

1. Mobili Riciclati

Una delle prime opzioni da prendere in considerazione è l’utilizzo di mobili riciclati per arredare il vostro giardino. Vecchi pallet di legno provenienti dal nostro magazzino possono essere trasformati in comode sedie o tavoli da picnic. Per renderli oggetti da arredo da esterni basterà pulirli accuratamente, verniciarli dei colori che più preferiamo e aggiungere cuscini o cuscinetti colorati per un tocco accogliente e al passo con i tempi. Le vecchie sedie in legno possono essere restaurate e ridipinte per dare nuova vita al tuo spazio all’aperto ma attenzione agli spigoli o alle irregolarità che possono dare vita a pericolose e dolorose schegge. Nel caso di oggetti simili la prudenza non è mai troppa: sarà necessario un lavoro davvero certosino prima di poter riutilizzare dei pallet in questo contesto.

2. Contenitori creativi

I contenitori riciclati possono diventare straordinari vasi per piante e fiori. Barattoli di latta, vecchie teiere, ceste di vimini, scatole di legno e persino pneumatici usati possono essere trasformati in sorprendenti elementi decorativi. Usate la vostra creatività per dipingerli o decorarli in modo unico, creando un mix di colori e stili che si adattano al vostro giardino.

Molto di moda in questo senso sono inoltre i vecchi scolapasta, che invece che essere gettati nell’immondizia si potranno facilmente riempire con il terriccio e con delle piantine, legandoli con uno spago ad un supporto dal quale poi farli penzolare dall’alto.

3. Recinzioni ed elementi divisori

Le recinzioni e gli elementi divisori realizzati con materiali riciclati possono aggiungere un ulteriore tocco di fascino rustico al tuo giardino. Utilizza vecchie porte, finestre o persiane per creare pareti divisorie o strutture di supporto per le piante rampicanti. Questi elementi possono conferire al tuo giardino un aspetto pittoresco e creare zone d’ombra piacevoli dove trovare protezione dai raggi del sole nelle giornate più calde e assolate.

Dai contenitori, alle pavimentazioni, ai vasi, ecco come riutilizzare materiali riciclati per decorare il tuo giardino: scopri tutti tutti i consigli utili!
Un piccolo giardino domestico.

4. Illuminazione eco-friendly

Per creare un’atmosfera magica nel tuo giardino si può pensare di sfruttare dispositivi di illuminazione eco-friendly. Pensiamo per esempio a come i barattoli di vetro possono trasformarsi in suggestive lanterne, o a come vecchie lampade adattate ad hoc possono aggiungere un tocco di calore e romanticismo al vostro spazio esterno, insieme (perché no?) a delle candele galleggianti inserite in contenitori d’acqua di plastica che precedentemente erano stati usati in modi diversi.

In generale, tutti i metodi di illuminazione alternativa a quella elettrica sono molto preziosi a livello di sostenibilità, senza ovviamente contare il loro indubbio fascino “d’altri tempi”, perfetto per un giardino elegante e suggestivo dove accogliere i propri ospiti.

5. Giardino Verticale

Spesso lo spazio che abbiamo a disposizione nei nostri giardini è piuttosto limitato: ecco dunque che in questi casi un giardino verticale realizzato con materiali riciclati può essere la soluzione giusta. Provate per esempio a sfruttare vecchi pallet in posizione verticale per far crescere piante rampicanti o per creare un muro di erbe aromatiche che inonderanno il vostro giardino di aromi, tenendo al contempo lontani certi fastidiosi insetti. Anche le bottiglie di plastica possono essere tagliate e trasformate in sponde per piante verticali, offrendo un’alternativa creativa ai più classici vasi da fiori.

6. Percorsi e pavimentazioni

Un altro modo alternativo per utilizzare materiali riciclabili per il tuo giardino è legato alla creazione di percorsi e pavimentazioni originali, creati con particolari mattoni recuperati, ciottoli o frammenti di piastrelle. Questi materiali possono essere disposti in pattern accattivanti per dare al vostro giardino un tocco di stile in più che difficilmente potreste trovare altrove.

7. Oggetti da decorazione

Ci sono davvero un’infinità di oggetti per decorare il giardino che possono essere realizzati con materiali riciclati, regalando così un look davvero molto particolare agli esterni. Vecchie posate possono essere trasformate in ventagli scintillanti, vecchie scarpe in vasi stravaganti e pezzi di metallo possono diventare sculture affascinanti. La plastica riciclata, in ogni caso, è senza ombra di dubbio il materiale che più si presta a questo tipo di creazioni, alle quali si potrà dare vita, perché no, anche con il supporto di un esperto designer. L’importante è che le creazioni che andranno a decorare il giardino rappresentino la personalità e il guizzo creativo del padrone di casa, senza per questo però risultare troppo pacchiane o addirittura kitsch. Via libera alla creatività, insomma, ma senza esagerare!

Condividi l'articolo
Alberto Muraro

Ultime Notizie

Quanto è green la spesa pubblica?
SPESA PUBBLICA
Quanto è green la spesa pubblica?

Presentati i dati dell’Osservatorio Appalti Verdi sul monitoraggio della spesa pubblica orientati ai criteri di sostenibilità. Qualche passo in avanti e tante difficoltà, in un...

Cerca nel sito