Chiudi
Cerca nel sito:

Come realizzare dell’ammorbidente fai da te

ammorbidente fai da te: una coppia carica la lavatrice
Condividi l'articolo

L’ammorbidente è un prezioso alleato quando si fa il bucato. Rende infatti i capi soffici, morbidi e più facili da stirare. Si tratta di un prodotto molto gradevole al tatto, perché rende le fibre più calde e meno ruvide, così come all’olfatto, per via del forte profumo che lo caratterizza. Ha però un difetto, che lo accomuna ai detersivi da scaffale: è chimico, dunque nocivo per ambiente e salute. È quindi consigliabile, sia per il proprio benessere, sia per quello del pianeta, sia per il portafogli, prepararselo da soli piuttosto che acquistarlo in negozio. La procedura è semplice e abbastanza veloce. La maggior parte degli ingredienti necessari a creare un ammorbidente fai da te si può trovare in cucina.

Leggi anche: “Dall’UE via libera al Net Zero Industry Act

Tanti tipi di ammorbidente fai da te

Nel realizzare un ammorbidente fai da te possiamo davvero sbizzarrirci. È infatti possibile crearlo come preferiamo, utilizzando diversi aromi e ingredienti. Nei paragrafi seguenti, abbiamo elencato alcune possibili soluzioni, tutte piuttosto semplici. Ne esistono però delle altre ed è sempre possibile sperimentare, se vogliamo aggiungere altri aromi e odori.

ammorbidente fai da te: una coppia carica la lavatrice
Si può creare un ammorbidente fai da te con numerosi ingredienti

Ammorbidente fai da te con bicarbonato

L’ammorbidente fai da te è uno dei più grandi alleati nelle pulizie in casa. Ciò vale naturalmente anche per il prodotto da scaffale ma, in questo caso, il nostro sarà green ed ecologico. Grazie alle caratteristiche del bicarbonato di sodio è possibile realizzare un ottimo ammorbidente naturale, utilizzando soltanto le proprie mani. Anche il più pigro può riuscirci perché basterà versare mezzo bicchiere di bicarbonato, prima di avviare il lavaggio, direttamente nel cestello della lavatrice.

Combinare bicarbonato e sale

Mescolare sale e bicarbonato permette di ottenere un prodotto in grado di pulire in profondità. Si tratta di un miglioramento concreto e sensibile del prodotto visto poc’anzi. Basta unire qualche tazza di sale e bicarbonato, mescolando i due prodotti e legandoli mediante l’aggiunta, a piacere, di olio essenziale di lavanda o, qualora lo si prediliga, a base di agrumi. Dopo averlo fatto, sarà sufficiente inserire due o tre cucchiai, che di solito sono più che sufficienti, del composto direttamente nel cestello della lavatrice, poco prima del risciacquo finale.

Disinfettare con l’aceto bianco

Questo ingrediente è ideale per disinfettare. Si tratta infatti di una soluzione anti-odore e decalcificante. L’aceto di vino bianco, per via delle sue caratteristiche, è perfetto per realizzare un ammorbidente fai da te. Facciamo soltanto attenzione a non eccedere nell’uso. Esso ha infatti anche una controindicazione che non va mai sottovalutata. Può infatti contribuire alla corrosione di tubi e parti metalliche della lavatrice, danneggiandola anche in maniera irreversibile. Teniamolo sempre a mente ed evitiamo di servircene quotidianamente. Al fine di preparare, in pochi minuti, questo ammorbidente fai da te, mescoliamo un litro di aceto di vino bianco con qualche goccia di olio essenziale di lavanda, menta o agrumi.

Ammorbidente fai da te con acido citrico

L’acido citrico è completamente naturale e si può acquistare in erboristeria. Si tratta di un prodotto fantastico e assolutamente ideale per la pulizia e il lavaggio. È anticalcare, sgrassa e addolcisce l’acqua, semplificando, in questa maniera, la manutenzione dell’intera lavatrice.

Preparare l’ammorbidente fai da te a base di acido citrico è molto semplice per chiunque. Si comincia sciogliendo 150 grammi di acido citrico ( diluito intorno al 10 o 15%) in 1 litro di acqua demineralizzata. Dopo averlo fatto, si passa al secondo step e si aggiunge, a piacere, qualche goccia di olio essenziale. In questo caso, per una questione di profumazione, sarebbe bene utilizzarlo al limone o, al limite, agli agrumi. Infine versare circa 100ml di prodotto per 4-5 chili di bucato nella vaschetta dell’ammorbidente della lavatrice.

Palline ammorbidenti

Quella delle palline ammorbidenti è un’altra soluzione possibile: completamente naturale, ecologica ed economica. Realizzarle è un pò più complicato rispetto a quanto abbiamo scritto finora. Vanno infatti create con pura lana organica. Ci si procura il tessuto necessario e poi si appallottola, prima di inserirlo nell’asciugatrice al fine di far assorbire l’umidità. Questo espediente serve a ridurre i tempi di asciugatura e lascia i capi estremamente morbidi. Le palline ammorbidenti sono riutilizzabili e, aggiungendo qualche goccia di olio essenziale, profumano anche il bucato.

Noci di sapone come ammorbidente fai da te

Quelle che definiamo impropriamente noci di sapone sono i frutti essiccati della pianta Sapindus Mukorossi. Si tratta di frutti capaci di rilasciare saponine naturali non appena entrano in contatto con acqua tiepida o calda. Queste noci sono dotate di proprietà detergenti, antibatteriche e disinfettanti. Essendo di origine vegetale sono completamente biodegradabili, ipoallergeniche e non inquinanti.

Si tratta di frutti perfetti per la pulizia del bucato e utilizzabili al posto del comune detersivo per la lavatrice. Se ne usano da quattro, in caso di bucato poco sporco, a otto, quando invece il bucato è molto sporco, mezzi gusci. Prima di inserirli nel cestello della lavatrice, vanno sminuzzati e inseriti all’interno di un sacchetto di cotone. Sono riutilizzabili almeno due volte, ma spesso anche tre, prima di essere gettati tra i rifiuti organici. La loro efficacia parte a 40 gradi. Per aumentare il profumo del bucato pulito, è possibile abbinarli ad alcune gocce di olio essenziale.

Leggi anche: “Che cos’è la posidonia e a cosa serve

Condividi l'articolo
Mattia Mezzetti

Ultime Notizie

Quanto è green la spesa pubblica?
SPESA PUBBLICA
Quanto è green la spesa pubblica?

Presentati i dati dell’Osservatorio Appalti Verdi sul monitoraggio della spesa pubblica orientati ai criteri di sostenibilità. Qualche passo in avanti e tante difficoltà, in un...

Cerca nel sito