Chiudi
Cerca nel sito:

A Settimo Torinese è nato il Museo della chimica

Condividi l'articolo

Il primo museo interattivo d’Europa dedicato alla chimica, inaugurato a inizio luglio, nasce dalla riqualificazione dell’ex fabbrica di vernici Siva in cui lavorò Primo Levi.

Un’ex fabbrica di vernici rinasce come luogo di diffusione della scienza, di incontro e di scoperta. A Settimo Torinese (provincia di Torino) all’inizio di luglio è stato inaugurato il Museo della Chimica (Mu-Ch), il primo interattivo – in Europa – dedicato alla divulgazione per bambini e adolescenti di questa branca delle scienze. Il Mu-Ch è un’idea del Comune di Settimo Torinese e della Fondazione Ecm, che sostiene attività culturali sul territorio, è stato progettato dal Gruppo Pleiadi, realizzato da Ett, azienda digitale e creativa internazionale che ha allestito gli spazi, e finanziato dal Piano nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane. Il museo nasce nell’ex Siva, che è stata per lungo tempo una fabbrica di avanguardia che produceva vernici isolanti, il cui laboratorio era diretto da Primo Levi, chimico, scrittore e testimone dello sterminio nazista. Grazie al coinvolgimento del Centro internazionale di studi Primo Levi è oggi possibile visitare quello che fu l’ufficio dello scrittore e del chimico, allestito con video installazioni e alcuni panel per farne conoscere la vita e le opere. Il Mu-Ch ospita diverse sale, tra cui un bookshop, una sala conferenze, un laboratorio scientifico specializzato, in cui si potrà sperimentare in sicurezza, la sala lettura con il planetario. Lo spazio principale è dedicato alla mostra permanente, con 28 exhibit di chimica ed esperimenti, analogici e digitali, che tutti i visitatori possono provare: l’esposizione è divisa in cinque zone dedicate a un differente argomento della chimica ed è possibile approfondire attraverso esperimenti e installazioni interattive. Nel chemistry bar, un american-bar anni ‘80, vengono servite reazioni chimiche.

Il Museo della Chimica è un polo culturale contemporaneo

Divertimento, educazione, creatività, coinvolgimento, interattività sono le caratteristiche dell’esperienza immersiva che offre il Mu-Ch e che ne fanno un polo culturale e del sapere molto moderno. “Il primo museo interattivo di Chimica fa immergere il visitatore in questa splendida disciplina attraverso un percorso che comincia dalle stelle, fucina degli elementi chimici, continua attraverso la sperimentazione con grandi macchine interattive e si conclude al chemistry bar, il primo bar chimico al mondo” racconta Alessio Scaboro, direttore scientifico del museo . “Oltre al percorso, il museo offre una serie di attività laboratoriali e di spettacoli scientifici sul tema della chimica. Il Mu-Ch così vuole essere: un luogo da visitare in famiglia, uno spazio di approfondimento e di educazione non formale per le scuole, una fucina di eventi e attività, un centro di diffusione della cultura scientifica in ambito chimico a livello nazionale e internazionale. Grazie al Mu-Ch, Settimo Torinese diventa capitale della cultura chimica in Italia”.

Condividi l'articolo
Redazione

Ultime Notizie

Quanto è green la spesa pubblica?
SPESA PUBBLICA
Quanto è green la spesa pubblica?

Presentati i dati dell’Osservatorio Appalti Verdi sul monitoraggio della spesa pubblica orientati ai criteri di sostenibilità. Qualche passo in avanti e tante difficoltà, in un...

Cerca nel sito